FabLab 4 Kids

Nei nostri laboratori l’apprendimento è basato sulla sperimentazione e sull’interazione tra ragazzi, strumenti tradizionali e macchine digitali.
Un nuovo modello di fare scuola, offre una metodologia che favorisce l’inserimento in un gruppo di tanti alunni diversi tra loro, che sentono di condividere un progetto comune perché ne intravedono l’obiettivo: il punto d’arrivo è il prodotto materiale di cui loro stessi saranno i creatori. In questo contesto comune condiviso trovano spazio tutti gli alunni che ottengono diversi risultati a scuola: dalle eccellenze a coloro che non si appassionano alla didattica svolta in classe ma hanno voglia di mostrare potenzialità inespresse e di manifestare altre competenze, che nella didattica tradizionale talvolta non si svelano.

È appurato ormai da tempo che la didattica laboratoriale ha per i ragazzi una ricaduta positiva in termini di apprendimento e di relazione ed esalta la manualità, che fa entrare in gioco una forte motivazione negli alunni, l’apprendimento cooperativo e il tutoring tra pari. Il computer viene utilizzato per tradurre nel dominio digitale il prodotto  della naturale creatività dei ragazzi. Modellazione e Stampa 3D diventano strumenti che facilitano l’espressione artistica e potenziano le capacità di narrazione. Il coding diviene uno strumento di storytelling e ciascuna storia può essere rappresentata con linguaggi che spaziano dalla parola scritta, all’arte figurativa, al teatro per finire con i moderni mezzi espressivi digitali dal video al videogame. Elettronica e robotica sono domini in cui vengono sviluppate le competenze tecnologiche e stimolato il pensiero computazionale. L’interazione con l’arte e il design è fondamentale per esercitare il pensiero critico e la visione olistica necessari ad affrontare con entusiasmo le sfide del XXI secolo e l’imminente quarta rivoluzione industriale.

FabLab Sulcis promuove il progetto FabLAB 4Kids ed ha nel proprio staff personale qualificato e certificato per garantire livelli di assoluta efficienza nelle proprie attività didattiche. Si propone come valido interlocutore per la formazione degli studenti, dei docenti e degli educatori interessati alla divulgazione della cultura “makers” all’interno del mondo scuola.

L’obiettivo del progetto proposto è la realizzazione di una rete di FabLab nell’ambito della scuola, la formazione rivolta ai docenti sulle tecnologie di prototipazione e fabbricazione digitale e il sostegno all’attività didattica per l’introduzione delle tecnologie digitali nell’ambito dei programmi scolastici. Il FabLab viene solitamente implementato come estensione dell’aula informatica.
I personal computer, ove disponibili e connessi alla rete Internet, consentono l’accesso a strumenti open source per l’apprendimento delle nozioni di programmazione informatica, per il disegno bidimensionale e la modellazione tridimensionale di oggetti.


La disponibilità di strumenti gratuiti didattici, realizzati da istituti internazionali di prestigio come il M.I.T. di Boston o l’organizzazione no-profit Code.org, e da aziende leader nei sistemi CAD-CAM come Autodesk, fornisce agli alunni un’ottima opportunità per sviluppare la propria creatività, abbinando alle abilità manuali di disegno le capacità di utilizzare il computer come strumento di ideazione e progettazione in modo semplice e divertente.
Ai Personal Computer e alle stampanti tradizionali vengono affiancate stampanti 3D e macchine CNC da taglio e incisione.
Disegni, decorazioni e modellini tridimensionali sviluppati con il computer attraverso i programmi di creatività 2D e 3D possono essere facilmente e rapidamente tradotti in oggetti reali utilizzando le macchine di fabbricazione.
Infine, attraverso l’impiego di schede Arduino o kit didattici per la prototipazione elettronica come i Little Bits, possono essere realizzati sistemi automatici che reagiscono alle variazioni dell’ambiente attraverso sensori e attuatori come luci, beeper o piccoli motori, dotando i manufatti di interattività elettronica.